5permille

Ipertensione, dubbi su uso a lungo termine Ace inibitori per possibile cancro polmonare

Uno studio osservazionale pubblicato sul British Medical Journal suggerisce che gli inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina (ACE inibitori) siano associati a un aumento del rischio di cancro del polmone rispetto ai bloccanti dei recettori dell'angiotensina II (ARB). Gli ACE inibitori sono efficaci nel trattamento dell'ipertensione e, sebbene si siano dimostrati relativamente sicuri a breve termine, sono state sollevate preoccupazioni rispetto al loro uso a lungo termine, che sembra essere associato a un rischio aumentato di cancro. «Queste preoccupazioni sono state oggetto di dibattito, con studi osservazionali che hanno prodotto risultati contrastanti, anche in relazione al cancro del polmone. Esistono comunque alcuni fondamenti biologici che potrebbero giustificare una possibile associazione tra ACE inibitori e rischio di cancro ai polmoni, in quanto l'uso di tali farmaci provoca nel polmone un accumulo di bradichinina, che stimola la crescita del cancro nell'organo. L'uso di ACE inibitori determina anche un accumulo di sostanza P, che si esprime nel tessuto del cancro del polmone ed è stato associato alla proliferazione del tumore e ad angiogenesi» spiega Blánaid Hicks, del Jewish General Hospital di Montreal, Canada, che ha diretto il gruppo di lavoro. Utilizzando un database di assistenza primaria britannico, i ricercatori hanno identificato oltre 900.000 adulti che hanno iniziato il trattamento con un anti-ipertensivo dal 1995 al 2015, escludendo chi avesse una storia di cancro. Durante un follow-up durato in media sei anni, il cancro del polmone è stato diagnosticato nello 0,8% della coorte. Dopo aver aggiustato l'analisi per fumo e altri fattori confondenti, l'uso di ACE inibitori è risultato associato a un aumento significativo del rischio di cancro del polmone rispetto all'utilizzo di ARB (1,6 rispetto a 1,2 per 1.000 anni-persona). L'aumento del rischio non è diventato evidente fino a dopo cinque anni di uso di ACE inibitori, ed è poi diventato maggiore con l'aumentare della durata dell'assunzione. «Sarà necessario bilanciare in ogni singolo paziente la preoccupazione per il rischio a lungo termine di cancro al polmone e il guadagno nell'aspettativa di vita associata all'uso di ACE inibitori» scrive in un editoriale di accompagnamento Deirdre Cronin-Fenton, della Aarhus University di Aarhus, in Danimarca.

BMJ 2018. Doi: 10.1136/bmj.k4209

https://www.bmj.com/content/363/bmj.k4209

BMJ 2018. Doi: 10.1136/bmj.k4337

https://www.bmj.com/content/363/bmj.k4337

Tratto da: Doctor33, 08 novembre 2018