5permille

Lombardia. Animali negli uffici dell’Ats Milano per ridurre lo stress lavorativo

La Giunta ha approvato un nuovo regolamento per i dipendenti dell’Ats Milano in cui si prevede che coloro che hanno un animale domestico, possano portarlo con loro in ufficio. “Tenere un cane o un gatto in ufficio contribuisce a ridurre lo stress lavorativo e ad aumentare la produttività, rende più creativi e moltiplica le gratificazioni, favorendo la socializzazione tra le persone e producendo empatia”, afferma l'assessore Gallera. L’obiettivo è estendere il progetto negli uffici di tutto il sistema sanitario lombardo.

Grazie al nuovo regolamento approvato dall'ATS Città Metropolitana di Milano, da oggi, gli animali da compagnia potranno stare al fianco dei propri padroni negli uffici dell'Agenzia per la tutela della salute. L'iniziativa è stata presentata in una conferenza stampa cui hanno partecipato, tra gli altri, l'assessore regionale al Welfare, Giulio Gallera, e il direttore generale dell'ATS Milano, Marco Bosio.

“La presenza dei nostri animali d'affezione - ha detto Gallera - incide in maniera determinante nel migliorare la qualità di vita delle persone. Ricordo che già nel 2017, la Regione Lombardia ha approvato un regolamento che individuava i criteri per l'accesso degli animali d'affezione alle strutture sanitarie e sociosanitarie pubbliche e private accreditate, permettendo ai pazienti ricoverati di ricevere la visita dei loro animali domestici, regolamento che con grande soddisfazione è stato approvato nelle aziende ospedaliere lombarde”.

Quello approvato, hanno spiegato, è un vero e proprio codice di condotta al quale il dipendente interessato potrà attenersi “nel rispetto di alcune importanti regole di convivenza con i colleghi e di tutela del benessere dell'animale stesso”. Un'idea che, è stato evidenziato nel corso della conferenza stampa, “piace a molti, non solo chi ha un animale d’affezione”.

Il progetto nasce dall’idea che tenere un cane o un gatto in ufficio contribuisca “a ridurre lo stress lavorativo e ad aumentare la produttività, rende più creativi e moltiplica le gratificazioni, favorendo la socializzazione tra le persone e producendo empatia”.

Secondo i dati della Regione, del territorio di ATS Città Metropolitana di Milano il numero di animali d'affezione iscritti all'anagrafe regionale è di 351.311 cani e 49.389 gatti; nella sola città di Milano sono iscritti all'anagrafe 104.067 cani e 24.877 gatti.

Da Gallera l'auspicio che “nei prossimi mesi” il progetto “possa essere approvato negli uffici di tutto il sistema sanitario lombardo, consapevoli di quanto la presenza dei nostri animali possa rendere più felici e sereni i rapporti nei luoghi di lavoro. A breve apriremo un Tavolo di lavoro con i direttori generali delle ATS per valutare la possibilità di adottare il regolamento”.

Tratto da: Quotidiano Sanità, 27 novembre 2018

Nota dei WM: siamo sicuri che l’ambiente di lavoro risentirà positivamente di questa possibilità. Gli animali da affezione “generano” empatia e rilassamento, speriamo però che siano tenuti in maniera corretta.