5permille

La sindrome metabolica può predire patologie polmonari

Queste evidenza è emersa, sorprendentemente, nel corso di uno studio che ha monitorato i Vigili del Fuoco intervenuti l’11 settembre 2001 a Ground Zero. I soccorritori sono stati seguiti per 16 anni. I fattori della sindrome metabolica hanno mostrato una maggiore predittività delle malattie polmonari rispetto all’esposizione agli agenti inquinanti sprigionati dall’incendio delle Torri Gemelle.

La sindrome metabolica può rappresentare, a lungo termine, un fattore predittivo di malattie polmonari. È quanto emerge da uno studio statunitense che ha seguito i vigili del fuoco intervenuti a Ground Zero in seguito all’attacco dell’11 settembre 2001. Tra le migliaia di soccorritori ,seguiti per 16 anni, la presenza precoce di alti livelli di trigliceridi, ipertensione, obesità addominale e altri tratti della sindrome metabolica sono stati fattori predittivi di problemi polmonari incontrati più avanti nella vita, più potenti del fumo o della stessa esposizione al vasto incendio.

“Un terzo della popolazione nella maggior parte dei paesi occidentali ha obesità addominale, insulino-resistenza e problemi con lipidi alti”, afferma l’autrice principale dello studio, Anna Nolan della New York University School of Medicine. La sindrome metabolica è solitamente definita da tre o più sintomi, tra cui ipertensione, glicemia alta, obesità o eccesso di grasso corporeo intorno alla vita, livelli anormali di colesterolo e insulino-resistenza.

È inoltre collegata a un aumento del rischio di sviluppare malattie cardiache, ictus e diabete di tipo 2. Ed è anche un fattore di rischio per problemi respiratori e malattie polmonari, notano i ricercatori. “Dato che anche quella al particolato sta diventando un’esposizione comune, abbiamo voluto osservare questa combinazione”, aggiunge Nolan.

Lo studio.

Nolan e colleghi hanno analizzato i dati relativi a quasi 7.500 vigili del fuoco di New York iscritti al programma Wtc-Health.
Questi primi soccorritori sono stati seguiti da vicino nella loro esposizione alla polvere pesante e alle altre tossine rilasciate nell’attacco del 2001 ed è stato loro prelevato il sangue prima che il luogo dell’attentato venisse chiuso nel luglio 2002. In questo gruppo, 1.088 persone avevano sviluppato la cosiddetta malattia polmonare da Wtc entro il 2017.

Questi lavoratori presentavano maggiori probabilità di essere in sovrappeso o obesi, di avere la sindrome metabolica e di aver subito un’esposizione ad alta intensità di particolato intorno all’11 settembre. Tendevano anche ad avere pressione e trigliceridi più alti e colesterolo Hdl basso.

Le conclusioni.

I ricercatori hanno scoperto che la glicemia e la resistenza all’insulina non sembrano influenzato il rischio di malattie polmonari.

Ma avere un indice di massa corporea nel range obeso è stato responsabile di un aumento del 33%, l’ipertensione del 26% e i trigliceridi alti del 23%.

Complessivamente, avere uno o due di questi criteri di sindrome metabolica ha aumentato il rischio del 30%, e con tre o più fattori il rischio è cresciuto del 55%.

Fonte: Chest 2019

Tratto da: Quotidiano Sanità, Carolyn Crist,25 marzo 2019