5permille

Stimolare il cervello per combattere il diabete?

Applicando la tecnica della stimolazione cerebrale profonda, un gruppo di ricercatori dell’Academic Medical Center di Amsterdam ha mostrato che è possibile influenzare il metabolismo del glucosio nel sangue. Aprendo le porte a nuove possibili strade contro il diabete.

Chi soffre di diabete non è in grado di assimilare il glucosio dal sangue in modo efficiente, o per mancanza di insulina o per insensibilità al suo segnale (insulino-resistenza). Una delle strade battute dalla ricerca per trovare nuove possibili cure esplora anche la connessione tra cervello e metabolismo del glucosio. In uno studio pubblicato su Science Translational Medicine, Kasper ter Horst dell’Academic Medical Center di Amsterdam e colleghi mostrano infatti come, in un piccolo gruppo di pazienti, la stimolazione di una specifica regione del cervello riesca a migliorare la sensibilità all’insulina.

La stimolazione cerebrale profonda (deep brain stimulation, DBS) è una tecnica che rilascia impulsi elettrici ai neuroni, ed è già nota per il trattamento del disturbo ossessivo-compulsivo resistente ai farmaci. Ma potrebbe avere altre possibili applicazioni.

Studi osservazionali e condotti sugli animali suggeriscono che la via molecolare legata alla dopamina nella regione dello striato ventrale (una zona del cervello associata alla motivazione e alle dipendenze) influisca sul metabolismo del glucosio. Sarebbe possibile trovare il modo di stimolare questa risposta per possibili scopi terapeutici?

Gli autori dello studio hanno quindi testato la DBS in un gruppo di 15 pazienti ossessivo-compulsivi, uno dei quali diabetico di tipo 2. Nel paziente diabetico la DBS ha ridotto la necessità di somministrazione di insulina. Nei 14 soggetti non diabetici dopo aver applicato DBS nella regione dello striato i ricercatori hanno riscontrato un aumento di insulino-sensibilità, ovvero la capacità dei tessuti di rispondere al segnale dell’insulina “assorbendo” il glucosio. Gli scienziati hanno anche inibito farmacologicamente la produzione di dopamina in 10 persone sane, inducendo una riduzione di assorbimento di glucosio da parte dei tessuti e suggerendo così come la regolazione del glucosio possa essere mediata dalla dopamina stessa.

I risultati dello studio suggeriscono un ruolo rilevante della stimolazione di dopamina attraverso la DBS nel metabolismo del glucosio, richiamando l’attenzione della ricerca su una nuova possibile strada per la cura del diabete.

Riferimenti: Science Translational Medicine

Tratto da: Galileonet, Alice Matone, 29 maggio 2018