5permille

Diabete, killer silenzioso per i nostri denti. Come sconfiggere la parodontite?

Ce lo spiegano i medici di Iero, Istituto Europeo Ricerca Odontoiatrica, un centro dell’eccellenza per le cure odontoiatriche nel cuore di Padova.

È vero che il diabete degli adulti è in aumento?

Il diabete degli adulti sta diventando dilagante, tanto che si parla impropriamente di epidemia, come se si trattasse di una malattia contagiosa, anche se non lo è.

Perché aumenta?

Le principali cause del suo aumento sono l’iperalimentazione e la sedentarietà che interessano sempre più gli adulti, ma purtroppo anche i bambini.

Il diabete è sempre diagnosticabile?

Il diabete di tipo 2 degli adulti può essere insidioso e difficile da diagnosticare nei soggetti asintomatici che non si sottopongono ad accertamenti. Viene invece identificato più frequentemente in pazienti affetti da complicanze indotte quali malattie cardio-vascolari, circolatorie, problemi oculari come la retinopatia, insufficienze renali ecc.. Per questo motivo è necessaria la prevenzione.

Come influisce il comportamento del paziente sul progredire della malattia?

Il diabete è una malattia da cui non si può guarire, ma che si può tenere sotto controllo: il successo terapeutico dipende molto dal paziente, dalla modifica del suo stile di vita e dalla volontà di aderire alla terapia prescritta.

La dieta, la sedentarietà, il fumo di tabacco e l’abuso di alcool sono i principali fattori di rischio sia per il diabete, sia per le malattie dei tessuti duri e molli del cavo orale, in quanto influiscono sulle caratteristiche dei biofilm orali e sull’insorgenza delle patologie da carie o parodontali.

Perché il diabete è spesso associato ai disturbi gengivali e alla parodontite?

In generale il soggetto diabetico ha una maggiore predisposizione alle infezioni perché l’accresciuta concentrazione di zucchero nel sangue avvantaggia i batteri che trovano maggior nutrimento.

Lo sviluppo della parodontite nei diabetici deriva da una risposta alterata all’attacco dei batteri parodontopatogeni, associata a uno squilibrio del film gengivale.

 Nel documento congiunto stilato dalla Federazione Europea di Parodontologia e della Federazione Internazionale Diabete, viene evidenziato come la malattia delle gengive (parodontite) e il diabete siano due patologie che presentano, verosimilmente, un meccanismo d’origine simile, mediato da processi infiammatori.

Che cos’è la parodontite?

La parodontite è una patologia a carattere progressivo che comporta la compromissione ingravescente dei tessuti parodontali quali gengive, cemento radicolare, osso alveolare, legamento parodontale.

Se trascurata, la cronicizzazione dell’infiammazione comporta la distruzione progressiva dei tessuti di supporto dentario, compreso l’osso alveolare, con conseguente mobilità del dente fino alla successiva perdita.

Quali sono i sintomi e come si cura?

La parodontite si manifesta, ma non sempre, con infiammazione, sanguinamento e retrazione gengivale, ipersensibilità al freddo, alitosi ed edema. Può essere però a lungo asintomatica e quindi il Diabetologo è tenuto a informare il paziente diabetico del rischio di malattia parodontale e consiglia al proprio paziente di rivolgersi all’Odontoiatra per gli accertamenti del caso. La diagnosi avviene con esame obiettivo per valutare lo stato dei tessuti parodontali, con un esame clinico denominato sondaggio parodontale e con una valutazione radiografica.

Con una diagnosi precoce, la parodontite può essere trattata efficacemente.  Si comincia dalla rimozione della placca sotto il margine gengivale mediante levigatura radicolare o root planing. Nei casi più gravi invece può essere eseguito un intervento di chirurgia orale parodontale per ricostruire i tessuti perduti.

I controlli dal dentista sono quindi importanti?

Il paziente diabetico dovrebbe sottoporsi a periodici controlli dall’Odontoiatra; la collaborazione stretta tra Diabetologo e Odontoiatra è di fondamentale importanza per vivere meglio, anche con il diabete.

Iero, Istituto Europeo Ricerca Odontoiatrica, è presente in via Venezia 90 a Padova. Prenota la tua visita al numero 049 8073102 o visita il nostro sito www.iero.it.

Tratto da: Il Gazzettino, 13 dicembre 2018