5permille

Natale: cardiologo, decalogo per difendere cuore da shopping e cenoni

 

 Roma - Shopping estremo, fino all'ultimo pacchetto, e poi cenoni della Vigilia, di Santo Stefano e di Capodanno. Un tour de force psicologico e fisico che metterebbe a repentaglio anche il cuore più sano, figuriamoci un organo già compromesso da malattie. Eppure, "la ricetta del benessere cardiovascolare esiste ed è fatta di semplici regole da seguire tutto l'anno, ma in particolare sotto le feste natalizie". Ad affermarlo è Francesco Romeo, presidente della FinSic (Società italiana di cardiologia) che ne ha parlato oggi a Roma a margine della conferenza stampa di presentazione del 70esimo congresso nazionale della società scientifica, al via domani nella Capitale.
Primo 'comandamento', "badare alla quantità di grassi saturi che si introducono con l'alimentazione: sono rischiosi sia per l'aumento del livello di colesterolo nel sangue, sia del rischio di diabete, entrambi fra le principali cause di malattie cardiovascolari. Evitare poi di fumare o di stazionare per molto tempo in luoghi dove la gente fuma, vedi le lunghe serate trascorse a giocare a carte in famiglia o con gli amici: anche il fumo passivo è altamente nocivo per la salute del cuore".
Ancora: "Non mangiare troppo salato", perché "l'ipertensione è la quarta causa di disturbi cardiovascolari e il sale non aiuta di certo a combatterla". Fra una cena e l'altra, poi, "controllare il peso, perché ormai si sa quanto l'obesità possa esporre a rischi per la salute". Meglio inoltre scegliere "alimenti antiossidanti a tavola, anche a Natale, come frutta e verdura; fare mezzora al giorno di attività fisica moderata, come una camminata a passo svelto in un luogo salubre; moderare gli alcolici. E soprattutto: stare allegri ed evitare lo stress psicosociale: tutto ciò che ci rende allegri e rilassati fa bene al nostro cuore".
Tratto da: Adnkronos Salute, 11 dicembre 2009