5permille

Il colesterolo elevato aumenta il rischio di glaucoma. Possibile aiuto dalle statine

Il rischio di glaucoma primario ad angolo aperto sembra aumentare man mano che crescono i valori del colesterolo, ma l'uso di statine a lungo termine può proteggere in questo senso, suggerisce uno studio pubblicato su JAMA Ophthalmology. «Diversi studi osservazionali hanno valutato l'associazione tra l'uso di statine e il rischio di glaucoma primario ad angolo aperto, ma i risultati si sono rivelati spesso contraddittori. Alcuni lavori hanno osservato associazioni inverse, mentre altri non hanno rilevato alcun effetto o hanno persino trovato associazioni di segno opposto» spiega Jae Kang, della Harvard Medical School di Boston, primo nome dello studio. «Inoltre, gli studi che riportano associazioni inverse hanno riferito di associazioni più forti con almeno due anni di utilizzo, ma mancano dati sull'associazione con un uso prolungato delle statine» prosegue Per chiarire la situazione, i ricercatori hanno seguito per 15 o più anni 140.000 professionisti sanitari di età pari o superiore a 40 anni negli Stati Uniti, senza glaucoma al basale. Durante il periodo considerato, lo 0,6% dei partecipanti allo studio ha sviluppato un glaucoma primario ad angolo aperto, e complessivamente un più alto livello di colesterolo totale è stato associato a un aumento del rischio di glaucoma. In particolare, per ogni aumento di 20 mg/dL di colesterolo totale, il rischio di glaucoma è aumentato del 7%. L'uso di statine per almeno cinque anni è stato associato a una riduzione del rischio del 21%, anche dopo aver aggiustato l'analisi per il livello di colesterolo totale. Gli autori sottolineano che questo effetto può essere dovuto al fatto che le statine sono in grado di abbassare la pressione intraoculare e di avere effetti neuro-protettivi sulle cellule gangliari della retina. In un commento di accompagnamento, Yao Liu e Barbara Klein, della University of Wisconsin School of Medicine and Public Health, Madison, affermano che sicuramente lo studio aggiunge dati preziosi per comprendere il rapporto tra colesterolo, statine e glaucoma. «Tuttavia riteniamo che sia ancora prematuro consigliare ai pazienti a rischio di sviluppare il glaucoma di iniziare una terapia con statine esclusivamente per la prevenzione primaria di tale patologia» concludono.

JAMA Ophthalmol. 2019. doi: 10.1001/jamaophthalmol.2019.0900

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/31046067

Tratto da: Doctornews, 10 maggio 2019