5permille
5x1000
A te non costa nulla, per noi Ŕ importante!
C.F. 98152160176

ObesitÓ, con la chirurgia bariatrica si perde peso e si allunga la vita

Uno studio con un follow-up di 40 anni dimostra che l’intervento chirurgico anti-obesità riduce il rischio di morte prematura per tutte le cause e per malattie cardiovascolari, diabete e cancro. Ma nel gruppo sottoposto alla chirurgia sono emersi maggiori casi di suicidio tra i più giovani.

22mila persone seguite per 40 anni, alcune delle quali si erano sottoposte alla chirurgia bariatrica per ridurre il peso e altre con caratteristiche simili che non avevano effettuato l’intervento. Gli autori di uno studio su Obesity hanno messo a confronto i due gruppi osservando che nel gruppo che aveva scelto il bisturi si registrava un tasso di mortalità significativamente inferiore per tutte le cause e per malattie specifiche, come cardiovascolari, diabete e cancro, rispetto al gruppo di controllo. Ma dall’analisi è anche emerso un aumento del rischio di morte per malattie croniche del fegato e per suicidio nelle persone più giovani che si erano sottoposte all’intervento anti-obesità.

ricercatori hanno utilizzato i dati dello Utah Population Database che contiene informazioni dettagliate sulla salute della popolazione dello Utah, compresi certificati di nascita e morte e cartelle cliniche, selezionando dall’archivio i pazienti sottoposti a chirurgia bariatrica tra il 1982 e il 2018 e le persone non sottoposte all’intervento che adatte a  formare il gruppo di controllo. 

In tutto sono stati coinvolti nello studio quasi 22mila partecipanti, la metà operata e l’altra metà no. Il gruppo di controllo era compatibile al gruppo chirurgico per età, sesso e indice di massa corporea. Le quattro procedure di chirurgia bariatrica analizzate nello studio includevano il bypass gastrico Roux-en-Y, il bendaggio gastrico regolabile, la gastrectomia a manica e la diversione bilio-pancreatica.

I risultati hanno rilevato che nel gruppo dei pazienti sottoposti a chirurgia bariatrica rispetto al gruppo non chirurgico, la mortalità per tutte le cause era inferiore del 16 per cento. La mortalità dopo l'intervento chirurgico rispetto al non intervento era diminuita rispettivamente del 29, 43 e 72 per cento per malattie cardiovascolari, cancro e diabete. Al contrario, i tassi di mortalità per malattia epatica cronica erano dell’83 per cento più alti nei pazienti sottoposti a intervento chirurgico rispetto al gruppo di controllo. Anche il tasso di suicidio era di 2,4 volte superiore nel gruppo chirurgico rispetto al controllo, soprattutto nella fascia di età tra 18 e i 34 anni.

«La riduzione della mortalità per tutte le cause è stata duratura per più decenni, per più procedure chirurgiche bariatriche, per donne e uomini che avevano un’ età superiore ai 34 anni al momento dell'intervento chirurgico. Il tasso di mortalità  per suicidio era significativamente più alto nei partecipanti del gruppo chirurgico rispetto ai partecipanti non chirurgici, ma solo nell'età più giovane», scrivono i ricercatori nelle conclusioni.

Tratto da: Healthdesk 03 febbraio 2023