5permille

Diabete 1, appello dei diabetologi: no a cure con integratori. L'unico rimedio č l'insulina

Se avete il diabete tipo 1, o se un vostro caro ha il diabete tipo 1 non sospendete (e non fate sospendere l'insulina per seguire cure alternative. In pochi giorni si morirebbe di chetoacidosi diabetica. È questo il messaggio allarmato che diabetologi e associazioni di pazienti con diabete stanno lanciando sui social network. Il motivo? Pur non essendoci riferimenti espliciti è chiaro che il bersaglio è il giornalista Adriano Panzironi che conduce su un'emittente locale una trasmissione di medicina alternativa in cui vengono offerte ai pazienti cure miracolose contro un vasto numero di malattie, tra le quali il diabete, semplicemente accompagnando ad una determinata alimentazione alcune pasticche vendute proprio dallo stesso Panzironi, che non è mai stato iscritto all'Ordine dei Medici. Panzironi è salito agli onori delle cronache grazie alla denuncia effettuata dalla trasmissione Le Iene e il past president Sid Enzo Bonora, dalla sua pagina Facebook, ha denunciato "Eccolo qui il giornalista che fa guarire da tutte le malattie. Nel servizio fatto dalle Iene e andato in onda un mese fa. Se non lo avete visto allora fatelo adesso. E non crederete ai vostri occhi e alle vostre orecchie. Sembra impossibile che queste cose succedano davvero. E se avete dubbi andate a visitare il sito di life 120. Vedrete come guarire da tutti i vostri malanni".

Ora le società scientifiche di diabetologia (Sid, Amd Siedp) e le associazioni dei pazienti con diabete (Fand, Diabete Forum, Agd, Aniad) sono scese in campo in modo ufficiale «per ribadire questo semplice ma vitale messaggio: l'unica terapia per il diabete tipo 1 è l'insulina. Sospenderla significa rischiare di andare incontro alla morte. In un Paese dove sembra a volte imperare la disinformazione scientifica» continua la nota congiunta, «anche in un campo vitale (è il caso di ricordarlo) come quello delle scienze mediche, c'è anche chi, per evidenti interessi commerciali, può permettersi di promettere indisturbato di guarire le malattie più disparate, dall'Alzheimer, al diabete tipo 1, grazie ad una dieta miracolosa corredata da "integratori" dal costo non irrilevante (ma questo è solo un dettaglio). Basta un microfono, una telecamera, un sito web e la fake news è servita. Le società scientifiche di diabetologia e le associazioni delle persone con diabete hanno deciso di lanciare l'allarme contro questa deriva scientifica, che rischia di provocare danni seri alle persone, che magari in un momento di debolezza o di stanchezza (non infrequenti in chi è affetto da una patologia cronica), decidano di dar credito a personaggi televisivi, cedendo all'illusione di poter guarire il diabete tipo 1 con una dieta che promette di fare miracoli prolungando la vita. Diabetologi e associazioni di pazienti» aggiunge la nota «si augurano inoltre che al più presto le istituzioni sanitarie e le autorità competenti intervengano nei confronti di questi personaggi televisivi, per evitare che qualche persona con diabete possa riportare serie conseguenze, seguendo i loro consigli, infarciti di concetti pseudo-scientifici "orecchiati" qua e là ed enunciati come verità assolute. L'unica verità scientifica è che abbandonare l'insulina, con l'illusione che il diabete tipo 1 possa essere 'curato' con una dieta e da una manciata di integratori, può portare a gravi conseguenze, fino alla morte».

Tratto da: Doctor33, Marco Malagutti, 30 gennaio 2018