5permille
5x1000
A te non costa nulla, per noi č importante!
C.F. 98152160176

Eccesso di apolipoproteina B predittore affidabile dose-dipendente di rischio cardiovascolare

Studio danese

Livelli eccessivi di apolipoproteina B (apoB), in quantità superiori al previsto in base ai soli livelli di colesterolo LDL, forniscono importanti informazioni cliniche sul rischio di future malattie cardiovascolari non colte dal colesterolo LDL, secondo i risultati di un nuovo studio pubblicato sul “Journal of American College of Cardiology”. L'eccesso di apoB è stato associato a un aumento dose-dipendente del rischio di infarto miocardico e malattia cardiovascolare aterosclerotica (ASCVD) negli uomini e nelle donne e a un rischio più elevato di mortalità per tutte le cause nelle sole donne, riferiscono i ricercatori.

Evidenze di genere

«In particolare, i nostri risultati hanno mostrato che, valutando l'eccesso di apoB, un individuo su 10 nella popolazione generale aveva un eccesso di apoB associato approssimativamente a un rischio maggiore del 50% di infarto miocardico, un rischio maggiore del 35% di ASCVD e un rischio maggiore del 15% di mortalità per tutte le cause (l'ultimo solo nelle donne) rispetto a quanto ci si aspetterebbe sulla base del solo colesterolo LDL» riferiscono gli autori, guidati da Camila Johannesen, dell’Ospedale Universitario Herlev a Gentofte, presso Copenaghen (Danimarca).

Le linee guida cliniche statunitensi ed europee raccomandano di trattare il colesterolo LDL per la prevenzione delle malattie, nonché di utilizzarlo come marcatore di rischio, dato il suo ruolo causale nelle malattie cardiovascolari, ma diversi studi hanno dimostrato che potrebbe esserci un vantaggio nel misurare varie altre lipoproteine, tra cui l'apoB.

Nicholas Marston, del Brigham and Women's Hospital di Boston (USA), che ha studiato il ruolo dell'apoB nelle malattie cardiovascolari, ha affermato che il nuovo studio si aggiunge ad altre prove che dimostrano che l’apoB è un migliore predittore di rischio rispetto al colesterolo LDL.

«Mentre l'LDL è la particella aterogenica predominante nella maggior parte degli individui, il colesterolo LDL non misura altre particelle aterogeniche come le lipoproteine a bassissima densità (VLDL), le lipoproteine a densità intermedia (IDL) o i resti (remnant) dei chilomicroni» ha detto Marston. D'altra parte, l'apoB misura la quantità totale di particelle aterogeniche.

Tuttavia, districare il rischio associato al colesterolo apoB e LDL non è facile, perché sono altamente correlati. Tuttavia, come ha spiegato Marston, «gli individui possono avere valori discordanti tali che l'apoB può essere più alto di quanto ci si aspetterebbe rispetto al livello di colesterolo LDL, rappresentando un rischio aggiuntivo al di sopra e al di là di ciò che viene catturato dalla misurazione del colesterolo LDL». In questi pazienti, queste informazioni sono «particolarmente utili in quanto possono identificare chi ha bisogno di una terapia più intensiva» ha sottolineato Marston.

Analisi di discordanza tra livelli di colesterolo LDL e apoB

Per individuare il rischio attribuibile al colesterolo LDL e all'apoB in questo nuovo studio, i ricercatori hanno eseguito un'analisi di discordanza, scoprendo prima la relazione tra colesterolo LDL e apoB nei pazienti con livelli normali di trigliceridi (< 1 mmol/l o 89 mg/dl). La regressione ha identificato i livelli di apoB minimi presenti per un dato valore di colesterolo LDL. Ciò ha poi permesso di identificare «l'apoB in eccesso», ovvero la differenza tra l'apoB osservata e quella prevista in base all'analisi di regressione.

Lo studio ha incluso 95108 uomini e donne arruolati nel Copenaghen General Population Study che non assumevano statine al basale. Durante un follow-up mediano di 9,6 anni, ci sono stati 2048 primi eventi di infarto miocardico, 4.282 primi eventi di ASCVD e 8.873 decessi.

Rispetto alle donne con eccesso di apoB inferiore a 11 mg/dl, che fungevano da gruppo di confronto, quelle con livelli di apoB in eccesso da 11 a 25 mg/dl, da 26 a 45 mg/dl, da 46 a 100 mg/dl e > 100 mg/dl avevano un rischio relativo più elevato di infarto miocardico rispettivamente dell'8%, 55%, 52% e 87% (P per tendenza< 0,0001).

Allo stesso modo, gli uomini avevano un rischio relativamente più elevato del 20%, 65%, 82% e 85% di infarto miocardico ai rispettivi livelli di apoB in eccesso (P per tendenza < 0,0001). Anche per l'ASCVD c'è stato un aumento dose-dipendente del rischio all’aumentare dei livelli di apoB negli uomini e nelle donne (P per tendenza < 0,0001). Per le sole donne, l'eccesso di apoB è stato associato a un aumento del rischio di mortalità per tutte le cause in modo dose-dipendente.

I ricercatori hanno inoltre esaminato i valori assoluti di apoB in diversi livelli di colesterolo LDL. Per un valore di LDL misurato di 77 mg/dl, per esempio, il livello di apoB previsto era di 111 mg/dl. All'estremità superiore, un LDL misurato di 193 mg/dl produceva un apoB atteso di 130 mg/dl. In questo spettro di livelli di LDL, se l'eccesso di apoB era maggiore del 90° percentile rispetto all’atteso, c'era un rischio maggiore di ASCVD.

I risultati sono stati simili quando sono stati esclusi coloro che avevano iniziato la terapia con statine durante il follow-up. Inoltre, i risultati sono stati convalidati in 9360 uomini e donne arruolati nel Copenaghen City Heart Study.

Biomarcatore pronto per l’impiego clinico, secondo un editoriale

Ci sono «prove convincenti che l'apoB è clinicamente, e non solo statisticamente, superiore al colesterolo LDL e che questo vantaggio si applica a un numero sostanziale di pazienti» scrive, in un editoriale di accompagnamento, Alan Remaley del National Heart, Lung, and Blood Institute di Bethesda (USA), insieme a Justine Cole e Allan Sniderman, entrambi del McGill University Health Centre di Montreal (Canada).

L’ApoB, dicono gli editorialisti, in questo momento è pronta per l’impiego clinico. «Riteniamo che l'apoB dovrebbe essere ampiamente disponibile per l'assistenza clinica perché una stima più accurata del rischio cardiovascolare e una stima più precisa dell'adeguatezza della terapia ridurranno il numero di infarti del miocardio e ictus e salveranno vite umane» scrivono.

Marston e colleghi affermano che l'accumulo di prove per l'apoB non significa che debba sostituire il colesterolo LDL; piuttosto potrebbe far parte di un pannello lipidico di routine per una «valutazione più completa». Osservano inoltre che la National Lipid Association (NLA) prevede di pubblicare a breve una dichiarazione di consenso sull'apoB che delineerà quando misurarla, nonché informazioni sulle soglie clinicamente rilevanti.

Bibliografia:

Johannesen CDL, Langsted A, Nordestgaard BG, Mortensen MB. Excess Apolipoprotein B and Cardiovascular Risk in Women and Men. J Am Coll Cardiol. 2024 Jun 11;83(23):2262-2273. doi: 10.1016/j.jacc.2024.03.423. leggi

Remaley AT, Cole J, Sniderman AD. ApoB Is Ready for Prime Time. J Am Coll Cardiol. 2024 Jun 11;83(23):2274-2275. doi: 10.1016/j.jacc.2024.04.008.

Tratto da: Pharmastar, 10 giugno 2024