5permille

La sostenibilità all'inglese che rischia di lasciare i malati senza farmaci

Il Regno Unito è alle prese con gli stessi problemi della sanità italiana. Conciliare diritto all'assistenza e sostenibilità. Ma il provvedimento inglese che impone un budget massimo per la rimborsabilità delle nuove tecnologie introduce discriminazioni nell’accesso alle cure.

In Inghilterra, come in Italia, i responsabili delle politiche di salute pubblica affrontano da anni sempre la stessa sfida: assicurare le cure a tutti senza far schizzare alle stelle i costi sanitari. Una fatica improba che, nello sforzo di far quadrare il cerchio, conduce a decisioni paradossali: giudicare insostenibile una terapia economicamente vantaggiosa.

Ecco, infatti, cosa sta accadendo nel Regno Unito: dal prossimo aprile i requisiti attualmente in vigore nel sistema sanitario inglese (Nhs) per ottenere entro 90 giorni il finanziamento delle nuove tecnologie raccomandate dal National Institute for Health and Care Excellence (Nice) non si applicheranno a quelle che superano il costo annuale di 20 milioni di sterline (23 milioni di euro).

In questi casi l’Nhs avrà tre anni di tempo per condurre trattative commerciali con le aziende  per ottenere i loro prodotti a costi più bassi. Il risultato? L’accesso alle cure per alcuni pazienti subirà inevitabilmente dei ritardi. Un’ingiustizia indegna di un sistema sanitario che ha fatto dell’universalità delle cure la sua bandiera. È il giudizio unanime di otto autorevoli scienziati con diverse competenze, mediche, bioetiche e politiche, che hanno firmato sulle pagine del British Medical Journal una protesta contro un provvedimento dalle pericolose conseguenze.

E per far capire cosa si rischia con l’introduzione del nuovo “budget impact test” ricorrono a un esempio.

Prendiamo il caso delle terapie a base di infliximab, l’anticorpo monoclonale impiegato dall’Nhs come farmaco per due patologie: le riacutizzazioni della colite ulcerosa  e la malattia di Crohn nella sua forma più grave. Il prezzo è lo stesso per entrambi gli utilizzi. Ma è chiaro che la sanità spende di più per curare i 4 mila pazienti con il morbo di Crohn rispetto alla manciata di persone assistite per la colite ulcerosa.

Ebbene, secondo i criteri della nuova direttiva la terapia per la malattia di Crohn supererebbe il budget previsto per il finanziamento e verrebbe destinata alla via lenta della contrattazione separata, mentre quella per la colite ulcerosa no.

È paradossale, scrivono gli autori del commento nell’editoriale del Bmj, perché i pazienti più numerosi sarebbero quelli maggiormente penalizzati. Una discriminazione numerica non priva di risvolti etici e pratici. Che ne è del diritto alle cure per tutti se l’accesso alle terapie dipende dalla prevalenza della malattia? E che ne è dell’efficacia di un servizio sanitario che trascura proprio i gruppi di malati più numerosi?

Il Nice si giustifica dicendo che la trattativa separata tra Nhs e aziende potrebbe portare a un abbassamento dei costi delle tecnologie.

«Ma ciò significherebbe servirsi di numerosi gruppi di pazienti come merce di scambio», rispondono gli otto autori del Bmj.

Osservazioni di questo tipo erano state sollevate anche durante le consultazioni che hanno preceduto la nuova strategia basata sul “test del budget”.

Pur riconoscendo le difficoltà economiche dell’Nhs, solamente un terzo degli interpellati si dichiarava a favore del provvedimento e solamente il 23 per cento sosteneva la necessità di ritardare il rifornimento delle tecnologie che oltrepassavano la soglia dei costi previsti per il rimborso entro 90 giorni.

«L’impatto del budget - scrivono i firmatari della protesta - è essenzialmente il costo per paziente moltiplicato il numero dei pazienti trattati. Ma la prevalenza della malattia di cui qualcuno soffre non dovrebbe condizionare l’accesso alle cure. Il principio di equità significa che casi uguali vanno trattati in modo uguale. Lo statuto dell’Nhs impone di rispondere ai bisogni clinici dei pazienti come singoli individui».

Tratto da: Healthdesk, 24 marzo 2017

Nota dei WM: si capisce ora da chi i nostri scienziati decisori hanno preso lezione per le gare CONSIP. D’altronde in un mondo globalizzato dove anche la NOSTRA università deve insegnare in lingua inglese volete che le decisioni sulla nostra salute siano prese seguendo il criterio del “buon padre di famiglia” o del bilancio “della Signora Maria” ??? Giammai nel nostro Bel Paese abbiamo un solo ufficio che si distingue per celerità e sapienza: l’ufficio miopia per le complicazioni affari semplici.